Regione Veneto

Assegno statale di maternità

Assegno Statale di Maternità

Descrizione:

 Il Comune di Due Carrare gestisce l'erogazione dell'assegno statale di maternità. Questo contributo ha lo scopo di sostenere la maternità delle madri che non sono tutelate da un sufficiente trattamento previdenziale durante i 5 mesi corrispondenti all'astensione obbligatoria dall'attività lavorativa (2 mesi prima e 3 mesi dopo il parto, o 1 mese prima e 4 mesi dopo).
L’assegno spetta per ogni figlio; quindi, in caso di parto gemellare oppure di adozione o affidamento di più minori, l’importo è moltiplicato per il numero dei nati o adottati/affidati.
Per beneficiare del contributo è necessario:
  • essere residenti nel Comune di Due Carrare;
  • non svolgere attività lavorativa;
  • L’assegno di maternità spetta a condizione che i redditi e i patrimoni posseduti dal nucleo familiare della madre al momento della data della domanda di assegno non superino il valore dell’Indicatore della Situazione Economica (ISE) applicabile alla data di nascita del figlio (ovvero di ingresso del minore nella famiglia adottiva o affidataria). 
    Ai fini della dichiarazione ISE è comunque possibile ricevere opportuna assistenza da parte dei CAF convenzionati con il Comune di residenza.
  • essere cittadino italiano o comunitario, oppure essere:
    • cittadino extracomunitario in possesso di permesso di soggiorno per lungo soggiornante CE;
    • rifugiato politico, o avente protezione sussidiaria;
    • in possesso di permesso di soggiorno per motivi familiari e coniugato con cittadino algerino, marocchino, tunisino, turco in possesso di permesso di soggiorno per motivi di lavoro (e ciò in forza degli Accordi Euromediterranei).
 Documentazione da presentare:
  • Domanda su apposito modulo da ritirare presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune ---- Link modulo 
  • Dichiarazione sostitutiva unica (D.S.U.) rilasciata dai Caaf;
  • per i cittadini di Stato terzo, copia del permesso di soggiorno, del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno) o di altro titolo idoneo di tutti i componenti del nucleo familiare;
  • fotocopia delle coordinate bancarie (IBAN) per pagamento tramite Bonifico Bancario o Libretto Postale (D.L. 201/2011).
L'importo dell'assegno è rivalutato ogni anno sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati e quantificato nella circolare sui salari medi convenzionali che l’Istituto pubblica annualmente sul proprio sito.

Normativa di riferimento:
  • D.P.C.M n. 159 del 05.12.2013 "Regolamento concernente la revisione delle modalità di determinazione e i campi di applicazione dell'Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE)" e Decreto del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali del 07.11.2014.
    - Direttiva UE n.2011/98 del 13/12/2011.
  • D. Lgs. n. 151, art. 74, del 26 marzo 2001 "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53".
  • D.Lgs. n. 130 del 3 maggio 2000 "Definizione di criteri unificati di valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni sociali agevolate".
Per informazioni:

A.S. Diana Capuzzo           Area  minori/ adolescenza/ famiglia/ immigrati
 
Indirizzo Via Roma, 74 - Due Carrare (PD) 35020
Telefono   0499115712
Fax   049.9115710
Email  servizisociali@comune.duecarrare.pd.it

Orari di apertura al pubblico:           Lunedì dalle 08:30 alle 12:00
                                                         Martedì pomeriggio solo su appuntamento
                                                         Giovedì dalle 08:30 alle 12:00
 
torna all'inizio del contenuto