Regione Veneto

Coronavirus: nuovo DPCM, solidarietà digitale, approfondimenti

Pubblicata il 08/03/2020

È in vigore da oggi un nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (allegato a questa news), che prevede l’istituzione di una zona ad alta sorveglianza nella quale è compresa anche la Provincia di Padova.  In Rete si possono trovare molti commenti e approfondimenti sul contenuto del decreto: segnaliamo tra tutti la conferenza stampa del Presidente Conte (https://www.youtube.com/watch?v=OWMcvKitsRc) e l'intervista di Lucia Annunziata al ministro Speranza nella trasmissione “Mezz'ora in più” (disponibile su RaiPlay, https://www.raiplay.it/video/2020/03/12-h-in-piu-6a2dfb59-fdf0-4ab4-9797-93e78ff47559.html).

Lo spirito di fondo del DPCM è presto detto: occorre che tutti noi restiamo in casa il più possibile e che usciamo solo se è strettamente necessario.  Nei casi di necessità sono inclusi naturalmente i motivi di lavoro, per i quali però occorre essere pronti a fornire adeguata giustificazione (che può essere fornita anche tramite autocertificazione sul modulo che alleghiamo e che, in ogni caso, potranno fornire anche gli agenti di Pubblica sicurezza incaricati dei controlli, ai quali potranno essere sottoposti tutti coloro che viaggeranno nei prossimi giorni.  Alleghiamo anche una nota di chiarimento del Ministro dell'Interno.

I negozi saranno aperti per permettere la spesa familiare, che comunque si consiglia di ridurre al minimo indispensabile (raggruppando gli acquisti invece che facendone ogni giorno) e osservando scrupolosamente le norme igieniche già note; anche bar e ristoranti rimarranno aperti, ma solo fino alle 18 (per scoraggiare i raggruppamenti non necessari, tipicamente per l'aperitivo o per cena; è permessa l'apertura dei ristoranti per asporto, a condizione di evitare assembramenti al banco).

In un panorama decisamente poco allegro, ci fa piacere segnalare una nota positiva.  Diverse aziende che lavorano nell'ambito digitale, per venire incontro alle necessità di connessione della popolazione che può trovarsi ad aver bisogno di Internet più del necessario (non soltanto per far fronte alle necessità di lavoro da casa, ma anche per tenersi informati sugli sviluppi della situazione in atto), hanno messo a disposizione una serie di servizi gratuiti per le persone residenti nelle zone soggette a limitazioni.  Tali offerte sono raccolte nel sito dell'Agenzia per l'Italia digitale, alla pagina https://solidarietadigitale.agid.gov.it .

Allegati

Nome Dimensione
Allegato Direttiva Ministro Interno 2020-03-08.pdf 156.75 KB
Allegato Direttiva Ministro Interno 2020-03-08 modulo per controllo.pdf 28.25 KB
Allegato DPCM CORONAVIRUS 8 marzo 2020 ZONE ROSSE.pdf 3.39 MB


Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto