Regione Veneto

Proroga dei termini

Documenti

Per evitare affollamenti degli uffici pubblici, il Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 ha prolungato la validità di molti documenti la cui data prevista di scadenza cade in questo periodo (e comunque dopo la data del 17 marzo 2020).

Le carte d'identità sono valide fino al 31 agosto 2020 (ma attenzione: dopo la data di scadenza sono valide solo sul territorio nazionale e non più all'estero).  I permessi di soggiorno per cittadini extracomunitari in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile sono prorogati al 15 giugno.

Anche le patenti, come le carte d'identità, sono prorogate fino al 31 agosto; alcuni particolari documenti di circolazione (in particolare la carta di qualificazione del conducente per trasporto professionale di merci o persone, il certificato di formazione professionale per merci pericolose, il permesso provvisorio di guida rilasciato in caso di visite della commissione medica e il "foglio rosa") sono però prorogati solo fino al 30 giugno.

I veicoli che dovevano essere sottoposti a revisione periodica entro il 31 luglio 2020 potranno circolare fino al 31 ottobre 2020.  La Regione del Veneto ha prorogato anche il bollo auto: se era dovuto tra l'8 marzo e il 31 maggio 2020, potrà essere pagato entro il 30 giugno 2020 senza sanzioni né interessi.
 

Pagamenti

Le rate dei contributi previdenziali, assicurativi o assistenziali (sia quelle a carico del lavoratore sia quelle a carico del datore di lavoro) in scadenza da 23 febbraio al 31 maggio potranno essere pagate entro il 10 giugno senza sanzioni.

Tutti gli accertamenti, le cartelle di pagamento e gli addebiti di Agenzia delle Entrate - Riscossione sono sospesi: se erano in scadenza tra l'8 marzo e il 31 maggio 2020, potranno essere pagati entro il 30 giugno 2020 (si veda anche il sito di AdE-R).  Nello stesso periodo, AdE-R non potrà avviare alcun tipo di azione (inclusi fermi, pignoramenti o ipoteche).

Sono inoltre sospesi fino al 13 aprile 2020 i termini di notificazione di verbali (per esempio, di violazione al Codice della Strada): sarà possibile quindi notificare i verbali anche oltre i 90 giorni consueti.  Per contro, sono sospesi anche i termini di pagamento delle sanzioni in misura ridotta (possibili entro 60 giorni dalla notitficazione) e di pagamento ridotto del 30% (possibile entro 30 giorni, invece dei consueti 5), oltre che di presentazione di ricorsi al Giudice di pace o al Prefetto (possibili, rispettivamente, entro 30 e 60 giorni dalla notificazione).

A livello comunale, le bollette per le lampade votive erano state inviate pochi giorni prima dell'inizio dell'emergenza: sebbene l'importo sia estremamente contenuto, si è comunque deciso di accettarne il pagamento entro il 30 giugno senza sanzioni né interessi.

Infine, il Consorzio Padova Sud con il proprio Decreto n. 18 del 30 marzo 2020 ha disposto che la prima rata della TARI (Tariffa rifiuti solidi urbani), prevista per il 31 marzo 2020, potrà essere pagata entro al 31 maggio 2020 senza sanzioni né interessi.
torna all'inizio del contenuto